Announcement

Collapse
No announcement yet.

riconoscere la NATO come organizzazione criminale

Collapse
X
 
  • Filter
  • Time
  • Show
Clear All
new posts

  • riconoscere la NATO come organizzazione criminale


    Klimov: «L'umanità progressista dovrebbe riconoscere la NATO come organizzazione criminale»
    • La Redazione de l'AntiDiplomatico
    • 4316









    I nostri articoli saranno gratuiti per sempre. Il tuo contributo fa la differenza: preserva la libera informazione. L'ANTIDIPLOMATICO SEI ANCHE TU!
    Dona 1€ Dona 5€ Dona 15€ Scegli importo






    Il più grande ostacolo alla pace mondiale in questo momento si chiama Nato. Anche in Russia ne sono ben consapevoli e per questo motivo Andrei Klimov (Russia Unita) vicepresidente del Comitato per gli affari esteri del Consiglio della Federazione Russa, in un’intervista con Lenta.ru ha chiesto che l’Alleanza del Nord Atlantico venga definita come organizzazione criminale.

    «La mia posizione è questa: la parte sana dell'umanità progressista dovrebbe riconoscere la NATO come organizzazione criminale il prima possibile e chiedere il suo scioglimento come una delle principali fonti di minaccia militare per tutta l'umanità. A tal proposito, questo problema è ben compreso a Pechino, a Delhi, in Africa e America Latina. Anche all'interno della stessa organizzazione della NATO, questo è ben compreso», ha affermato il senatore che invita gli alleati della Russia a unirsi diplomaticamente contro la Nato.

    Le autorità russe hanno ripetutamente affermato che dopo il crollo dell'URSS, la NATO aveva promesso a Mosca di non espandersi a est. A conferma, si fa riferimento a un documento d'archivio di un incontro dei vertici della politica estera di Stati Uniti, Germania, Francia e Gran Bretagna a Bonn nel marzo 1991.

    Secondo Klimov, il rifiuto della NATO di fermare l'espansione del blocco verso i confini della Russia, tra le altre cose, ha provocato l’avvio dell’operazione speciale militare russa in Ucraina per smilitarizzare e denazificare il regime di Kiev.




    “A metà dicembre, il Cremlino ha fatto una proposta molto delicata su come uscire dallo stallo esistente. Il Cremlino proponeva semplicemente di riportare l'infrastruttura militare della NATO ai suoi confini precedenti al 1997. Allo stesso tempo, non si è parlato di chiudere la NATO come organizzazione politica. E in risposta, è arrivato un tentativo degli ucraini di attaccare la Russia in due direzioni: in Donbass e nella penisola di Crimea”.

    Dopo l'inizio dell'operazione speciale della Russia in Ucraina, Svezia e Finlandia, che avevano tenuto per molti anni uno status neutrale, hanno chiesto l'adesione alla NATO. Se diventano membri dell'alleanza, il confine terrestre tra il blocco militare e la Russia raddoppierà, da 1215 a 2600 chilometri. Secondo Andrei Klimov, la decisione di unire i paesi nordici al blocco non è collegata all'avvio dell’operazione militare speciale.

    “Ora non è il confine ad aumentare, ma i punti di contatto. Non hanno abbastanza potere per resisterci, tutto questo è fatto per impotenza. Vogliono rendere il Mar Baltico completamente pro-NATO e, in secondo luogo, vogliono fare della Svezia e della Finlandia un trampolino di lancio per espandere le infrastrutture militari nell'Artico. Ma se pensate che abbiano iniziato a farlo nel febbraio 2022, vi sbagliate di grosso. I tentativi per raggiungere questo obiettivo sono iniziati nel 2004-2005”, ha affermato l’esponente di Russia Unita.

    In precedenza, il segretario di Stato nordamericano Anthony Blinken aveva affermato che negli anni '90 la stessa Russia ha rifiutato l'offerta dell'Occidente di aderire alla NATO.

    Il senatore Andrey Klimov insiste però sul fatto che la questione dell'adesione della Russia alla NATO è stata sollevata fin dall'epoca sovietica.

    «Anche Joseph Stalin ne ha parlato. Non appena è apparsa la NATO, abbiamo immediatamente affermato che se questa organizzazione è [necessaria] affinché ci sia la pace sulla Terra, siamo pronti ad entrarvi. Per dimostrare l'aggressività dell'organizzazione nei nostri confronti, dobbiamo porre domande come questa: se dite che questa organizzazione non è contro di noi, perché non ci volete ammettere? Nessuna risposta. E questa domanda è stata posta periodicamente nel corso degli anni dal 1949 dai nostri vari leader».

    CI sono stati del colloqui in merito, ma Klimov sostiene che «queste conversazioni erano necessarie per assicurarsi in pratica che questa struttura non cambiasse il suo compito principale da decenni. Il compito principale è contenere la nostra patria e, infine, eliminarla dalla mappa politica.


    LA REDAZIONE DE L'ANTIDIPLOMATICO




    L'AntiDiplomatico è una testata registrata in data 08/09/2015 presso il Tribunale civile di Roma al n° 162/2015 del registro di stampa. Per ogni informazione, richiesta, consiglio e critica: [email protected]



    Potrebbe anche interessarti



    Copyright L'Antiplomatico 2013 all rights reserved
    L'AntiDiplomatico è una testata registrata in data 08/09/2015 presso il Tribunale civile di Roma al n° 162/2015 del registro di stampa


    Klimov: «L'umanità progressista dovrebbe riconoscere la NATO come organizzazione criminale» - Crisi in Ucraina - L'Antidiplomatico - La politica internazionale che il mainstream non vi racconta
    Last edited by roger; 05-22-2022, 10:41 AM.
    Sostieni:
    www.binusardu.org - best Sardinian Wines

  • #2
    ora lo sa molta più gente di prima... speriamo lo capisca anche vanderlaiden
    blog: WWW.BINUSARDU.org
    vini da principi e regnanti

    Comment

    Working...
    X