Announcement

Collapse
No announcement yet.

che sta succedendo nel mondo della medicina??

Collapse
X
 
  • Filter
  • Time
  • Show
Clear All
new posts

  • che sta succedendo nel mondo della medicina??

    E' possibile accettare che anche sulla salute le lobby finanziarie debbano intervenire per promuovere determinate nuove terapie, persino ancora non pronte o esperimentate, e impediscano l'uso di altre già note, senza garantire che siano più efficaci di quelle esistenti???
    https://forum.termometropolitico.it/...di-usarla.html
    https://www.maurizioblondet.it/clorochina-i-medici-hanno-strappato-il-diritto-di-usarla/ CLOROCHINA: I MEDICI FRANCESI HANNO STRAPPATO IL DIRITTO DI
    Sostieni PLANETBOOKAWARD:https://www.paypal.com/donate/?token...IT&locale.x=IT

  • #2
    tratto dal libro BIGAMI SCIACALLI E FORBICI
    di Anton Rocha
    AMAZON


    capitolo IX

    Intanto Omar aveva continuato a vivere con noi. Si era rintanato in una piccola stanza e stava tutto il tempo al computer immerso in un sogno che teneva tutto per se.
    Ogni tanto partecipava alle nostre chiacchiere, ma era poco espansivo e teneva per se i suoi segreti e le sue intenzioni.
    Aveva detto che ci avrebbe accompagnato per partecipare alla riunione ma aveva anche aggiunto che la sua partecipazione avrebbe potuto rappresentare un pericolo per noi stessi
    Ci raccontò che in pratica aveva accettato di partecipare a quella manifestazione in Francia, e di partire in segreto col panfilo di Fuad, e con Fahtma, solo per sfuggire ad una minaccia che quando era ancora in Egitto si era dimostrata molto pericolosa e angosciante.
    Ci diede poche spiegazioni, ma capimmo che quando era appena laureato in medicina, praticante in un ospedale, si era accorto che alcuni superiori avevano truffato l’opinione pubblica, ed anche i ministeri competenti di alcuni stati europei, e del mondo, avallando falsi tests su nuovi farmaci che una grossa multinazionale voleva immettere sul mercato.
    In pratica aveva messo ostacoli alla redditizia attività truffaldina di alcune multinazionali del farmaco, le quali con brevetti fasulli ed altri mistificazioni, traggono guadagni miliardari ed illeciti vendendo in tutto il mondo medicinali pressoché inutili o scarsamente efficienti. E più spesso scarsamente o malamente testate sull’uomo.
    - Talvolta, ci raccontò, mettono in commercio prodotti non ancora esperimentati sull’uomo o scarsamente esperimentati, oppure con dosaggi insufficienti dell’agente terapeutico.
    - O ancora riescono a creare alleanze con altre società per dividersi i mercati e quindi imporre prezzi esagerati rispetto ai costi necessari per produrre le medicine.
    Era fuggito dall’Egitto perché era stato licenziato dall’ospedale, dopo un acceso scontro verbale con uno dei suoi superiori, e perché aveva subito un incidente automobilistico, che riteneva provocato ad arte dai suoi nemici.
    Era anche sfuggito ad un conflitto a fuoco verificatosi in sua presenza tra bande criminali rivali.
    - Credo che sinora non mi abbiano ucciso di proposito solo perché la mia famiglia ha molta influenza al Cairo, e perché ho sparso in giro la voce di aver depositato alcune denunce scritte, e prove dettagliate, presso un notaio inglese che le farebbe pubblicare sui giornali egiziani se mi succedesse qualcosa dall’apparenza non naturale.
    Intanto cercava di raccogliere nuove prove delle sue scoperte con l’intenzione di redare un rapporto, su tutte le truffe che sarebbe riuscito a scoprire.
    Mangiava poco e da solo cucinava i suoi cibi. Sospettoso di tutto e di tutti, andava personalmente a comprare gli alimenti, e cambiava i suoi fornitori quasi ogni giorno. Temetti che l’uccisione dei suoi amici gli avesse provocato una depressione troppo grave e che sarebbe stato conveniente sottoporlo ad una visita medica. Ma Fahtma disse che il suo umore era veramente lunatico, e che anche prima del delitto si comportava nello stesso modo e con gli stessi sintomi di paranoia, anche se non così accentuati.
    - Il mercato, e non solo del farmaco, ci disse è spesso una truffa, un furto organizzato dai più ricchi operatori che non si accontentano dei normali guadagni derivanti da una corretta attività, ma che cercano di aumentarli con comportamenti scorretti e con vere e propri raggiri. I quali, non solo danneggiano economicamente le società concorrenti più serie, e singoli acquirenti, ma mettono in pericolo l’ambiente e la salute degli uomini.
    - I tribunali sono intasati dalle denunce contro queste truffe, organizzate dai grandi nomi della ricerca scientifica, che si concludono spesso con il pagamento di colossali multe, ma l’informazione tace su tutti questi fatti perché è controllata dal grande capitale, e perché ai governi interessa che i popoli non vengano messi in allarme sui pericoli spesso notevoli che incombono sulla loro salute.
    Ormai dopo la nascita dell’industria farmaceutica, che ha decretato la fine del vecchio farmacista che preparava i composti nel suo piccolo ambulatorio, il giro d’affari di questo settore è diventato faraonico; ed è aumentata la concorrenza. Quindi è necessario rivolgersi al reato se si vuole guadagnare molto.
    - Sono stati scoperti persino tentativi di controllare gli stessi atenei dove studiano i medici, in modo da condizionarli alla fedeltà a determinati produttori, o più spesso è stata provata la corruzione di questi ultimi, e degli stessi medici, che vengono ricompensati anche con percentuali sugli utili, o con l’offerta di viaggi, di preziosi e altre utilità, purché prescrivano massicciamente certi prodotti.
    - E’ stato scoperto sovente che molti medici avallavano tests che dimostravano l’utilità di farmaci completamente inefficienti, o di altri che provocavano la cronicità di certe patologie e quindi costringevano i pazienti ad acquistare determinati prodotti per tutta la vita.
    - E’ stata anche scoperta l’attività di lobbyng dell’industria farmaceutica che in molti stati è riuscita persino a corrompere i governi in modo da far promuovere negli enti di controllo personaggi già al loro servizio, e che quindi avrebbero reso vani i controlli sull’efficacia dei farmaci, e gli accordi sulla congruità dei prezzi degli stessi.
    - Esistono persino decine di riviste mediche fasulle, create o finanziate dalle industrie farmaceutiche per illustrare i vantaggi dei propri medicinali e per decantarne l’efficacia su certe malattie, che poi si sono rivelati inefficaci o troppo costosi rispetto ad altri prodotti dalla concorrenza.
    - La creazione di cartelli tra i produttori per fissare i prezzi dei composti generici è poi prassi comune in tutto il mondo; medicinali che potrebbero costare pochi centesimi vengono venduti a prezzi più che decuplicati, ai quali più spesso cambiano i nomi, con l’aggiunta inutile di altri elementi, per fingere che siano nuovi medicamenti e più efficaci.
    - Si sono verificati casi in cui le industrie farmaceutiche con la complicità di giornalisti e televisioni compiacenti sono riuscite a creare falsi allarmi in molti paesi, enfatizzando l’esistenza di pandemie o focolai infettivi, per promuovere vaccinazioni di massa a milioni di persone con guadagni miliardari per gli organizzatori e i loro complici.
    - Altri casi eclatanti sono stati scoperti che hanno provocato guadagni truffaldini, come nel caso di malattie inventate e dei relativi farmaci che le avrebbero curate. Anche queste hanno procurato ingenti e indebiti guadagni alle ditte e ai loro referenti corrotti.
    - Spesso sono le stesse multinazionali a far nascere l’idea che esistano complotti dei poteri forti tesi al raggiungimento di determinati obiettivi truffaldini. Ma quasi sempre riguardano argomenti dei quali poi risulta facile dimostrarne l’infondatezza, allo scopo di far poi emergere l’onestà o la estraneità delle stesse multinazionali.
    - Queste teorie sono sempre esistite, ma ora è più facile realizzarle vista la diffusione della stampa e di internet. E talvolta mentre si sparge la teoria di un falso complotto, che poi ovviamente verrà scoperto e smentito, lo stesso gruppo che lo fomenta in realtà ne sta organizzando un altro, questa volta ben orchestrato e segreto per ottenere altri più consistenti utili.
    - Succede persino che siano le compagnie assicurative a pretendere una percentuale sul prezzo di vendita dei prodotti, prima di includerli nei capitolati delle cure consentite ai propri assicurati.
    - Il fatto più straordinario è che nonostante questo vorticoso giro di miliardi, gli utili di queste aziende sono sempre striminziti, mai proporzionati all’imponente fatturato, alle spese, al numero dei dipendenti. Più spesso risultano in perdita per non pagare imposte, e i deficit vengono ripianati dagli stessi gruppi di controllo, che traggono i loro vantaggi dal trading o da altri benefici rivenienti da attività più occulte e meno rilevabili.
    - Caratteristiche tutte queste che sono comuni a molti altri settori, dall’auto alle costruzioni, dai prodotti siderurgici al settore dei fertilizzanti, da quello degli antiparassitari a quello dei tessili. Per finire a quello delle banche e delle assicurazioni i cui bilanci sono un perfetto rompicapo per tutti gli analisti, anche i più esperti, e i cui deficit, specie per le banche vengono ora sanati da interventi degli stati e dei governi, i cui componenti sono stati spesso i mandanti degli stessi consigli che le gestiscono, e quindi sono anche responsabili dei deficit.
    Omar tornava spesso su questi argomenti, come se fosse una sua idea fissa, o l’impegno di uno studioso che non voleva abbandonare la sua ricerca almeno sino a quando non avesse raggiunto la fine.

    Comment

    Working...
    X