Announcement

Collapse
No announcement yet.

/disuguaglianze-ecco-perche-chi-e-svantaggiato-non-si-ribella

Collapse
X
 
  • Filter
  • Time
  • Show
Clear All
new posts

  • /disuguaglianze-ecco-perche-chi-e-svantaggiato-non-si-ribella

    Chiara Volpato, docente di Psicologia sociale in Bicocca, nel suo ultimo libro spiega - citando decine di ricerche - i meccanismi psicologici per cui le politiche di redistribuzione non prendono piede e le persone di basso status accettano la situazione come legittima. Dietro ci sono credenze acritiche nella meritocrazia e nella mobilità ascendente, processi cognitivi modificati dalla disponibilità di denaro, stereotipi che fin dalla scuola penalizzano i membri dei gruppi sfavoriti di Chiara Brusini | 14 Luglio 2019
    Le grandi disuguaglianze hanno costi privati – senso di insicurezza, impotenza e sfiducia, ansia, stress – ma sono anche causa di problemi sanitari e sociali, di un rafforzamento del razzismo e della violenza e, in ultima analisi, di una “minore felicità collettiva“, argomenta Volpato. Al contrario le società egualitarie mostrano buoni livelli di fiducia sociale e coesione, mentre al crescere della disuguaglianza diminuiscono sia la fiducia sia la partecipazione dei cittadini alla vita civile e democratica, perché gli svantaggiati perdono la speranza di poter cambiare la situazione impegnandosi attivamente. E questa involuzione, a sua volta, è collegata ad un aumento di evasione fiscale, corruzione e reati. Così si materializza un quadro di “infelicità collettiva“, tensione sociale, instabilità politica, aumento dell’incidenza dei disturbi psichici. E pure minore disponibilità ad accogliere immigrati, rifugiati e richiedenti asilo, diretto risultato del fatto che le classi inferiori temono la competizione per il lavoro e le risorse e quelle superiori si convincono che cambiare lo status quo andrebbe a loro svantaggio.
    La quota di pil spesa in pubblicità è più alta nei Paesi in cui è maggiore la disuguaglianza. E i cittadini di quei Paesi passano più tempo a cercare su Google le marche del lusso ritenute simbolo di distinzione sociale. Al tempo stesso, in quelle società i bambini e ragazzi che arrivano da famiglie di basso …
    Last edited by pippo; 07-15-2019, 07:31 AM.
Working...
X